PAVIMENTI E PIASTRELLE, RIVESTIMENTI
Home >> PAVIMENTI E PIASTRELLE, RIVESTIMENTI


PAVIMENTI E PIASTRELLE, RIVESTIMENTI

PAVIMENTI E PIASTRELLE
Per la casa e non solo, per interni ed esterni, in ceramica, in cotto, in legno, in resina e in gres porcellanato. Grazie alla collaborazione con i più importanti brand nazionali ed internazionali, le nostre soluzioni puntano al giusto equilibrio tra qualità, design e resistenza nel tempo.

RIVESTIMENTI
Arredare la propria casa con gusto ed eleganza, magari aggiungendo quel tocco personale che disegna il vostro stile: un passaggio non solo importante, ma addirittura fondamentale per vivere bene nella vostra abitazione. Riflessione, questa, per nulla scontata. I rivestimenti che proponiamo – per il bagno, la cucina, le pareti esterne e la casa in genere – consentono ai nostri clienti di creare un ambiente confortevole, rilassante e gratificante perché in linea con il proprio stile di vita. Mattoni artistici, carta da parati, gres porcellanato, biopietra: c’è solo l’imbarazzo della scelta!

http://www.blustyle.it/http://www.boxer.it/https://www.ceramicarondine.it/it/https://www.ragno.it/http://www.trend-group.com/it_IT/trend-italia-mosaici-e-agglomeratihttp://www.soloeco.it/

SOLUZIONE PER PULIRE IL VOSTRO PAVIMENTO

Bicarbonato, alcol e sapone di Marsiglia costituiscono un’ottima soluzione per pulire il vostro pavimento in marmo o granito: un detersivo “fai da te” che garantisce risultati eccellenti. Prepararlo è molto semplice: in un secchio versate 3 litri d’acqua, 2 cucchiai di bicarbonato, 10 cucchiai di alcol e un pezzo di sapone di Marsiglia (per scioglierlo velocemente, strofinatelo con il panno del pavimento). Per la pulizia perfetta è preferibile utilizzare un panno in microfibra ben strizzato, in modo che sia solamente umido.

CARTA DA PARATI

L’Europa iniziò a importare la carta dalla Cina intorno al XII secolo, durante la Rivoluzione Commerciale, e proprio nel Vecchio Continente nacque l’usanza di dipingere la carta per poi applicarla alle pareti. Il primo produttore di carta da parati, tuttavia, non è europeo ma americano: si chiamava Plunkett Fleeson ed era di Filadelfia. Siamo nel 1739.

CARTA: PERCHÉ DA PARATI E NON DA PARETI?

“Parato” significa “rivestimento di tessuto, arazzo o tappezzeria con cui di ricoprono le pareti di una stanza”. La carta da parati si chiama così perché è un tipo di carta decorativa, con stampa e motivi ornamentali, pensata per sostituire e/o imitare con materiali meno costosi i “parati” di stoffa utilizzati un tempo.